OMS: inevitabile prossima pandemia di influenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia l’allarme: il mondo dovrà inevitabilmente affrontare una nuova pandemia di influenza e deve prepararsi alla potenziale crisi che potrebbe causare, senza sottovalutare i rischi.

“È necessario delineare un piano globale per contrastare la patologia virale e agire prima di un possibile focolaio globale – scrive l’OMS – La prossima pandemia di influenza è una questione di quando, non di se”.

“La minaccia dell’influenza pandemica è sempre presente”, osserva il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Dobbiamo essere vigili e preparati. Il costo di un importante focolaio di influenza sarà molto più alto del prezzo della prevenzione”.
L’ultima pandemia mondiale di influenza è stata causata dal virus H1N1, che si è diffuso in tutto il mondo nel 2009 e nel 2010.

Gli studi su questa pandemia hanno riscontrato che nel primo anno è stata infettata almeno una persona su cinque e il tasso di mortalità si è attestato allo 0,02%.

Gli esperti di salute globale e l’OMS avvertono del rischio che un giorno un virus influenzale più letale verrà trasferito dagli animali alle persone, muterà e infetterà centinaia di migliaia di individui.

I virus influenzali sono molteplici e in continuo cambiamento e infettano circa un miliardo di persone all’anno durante i focolai stagionali.

Di queste infezioni, circa 3-5 milioni rappresentano casi gravi, che conducono al decesso per cause respiratorie legate all’influenza stagionale un numero compres tra le 290.000 e le 650.000 persone.

I vaccini possono contribuire a prevenire alcuni casi e l’OMS raccomanda la vaccinazione annuale, soprattutto per le persone che lavorano nella sanità e per i soggetti vulnerabili come gli anziani, i bambini molto piccoli e i pazienti con una malattia soggiacente.

Il piano dell’OMS comprende misure per cercare di proteggere il più possibile le popolazioni dai focolai annuali di influenza stagionale e prepararsi per una pandemia.

I due obiettivi principali, scrive l’OMS, sono migliorare le capacità di sorveglianza e risposta globale, ed esorta tutti i governi a sviluppare un piano nazionale per l’influenza, a implementare attività di prevenzione, rilevazione, controllo e trattamento dell’influenza, e a disporre di strumenti come vaccini e farmaci antivirali.

Fonte: Reuters

Kate Kelland

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
torna su