News in Sanità

Pressione arteriosa: la dichiarazione dell’AHA

07-03-2019 
Reuters Health News 
   
(Reuters Health) – L’American Heart Association (AHA) ha rilasciato una dichiarazione scientifica aggiornata sulla misurazione accurata della pressione arteriosa in ambulatorio e fuori dallo studio medico. 

 "Il messaggio della nuova dichiarazione scientifica è che è importante misurare la pressione arteriosa al di fuori dello studio del medico”, dice Paul Muntner, capo dei redattori della dichiarazione, il quale sostiene che circa il 20-30% delle persone presentano un’ipertensione mascherata. 

"L’ipertensione mascherata è associata a un maggior rischio di cardiopatia e ictus. Quindi, è importante che le persone misurino correttamente la pressione per poter ricevere diagnosi di ipertensione”, aggiunge Muntner.

 Il documento di 32 pagine è stato pubblicato online sulla rivista Hypertension. 

 L’ultima dichiarazione dell’AHA sulla misurazione della pressione arteriosa era stata pubblicata nel 2005. Da allora, sono stati resi noti numerosi studi che contribuiscono al raggiungimento dell’obiettivo di misurazioni accurate della pressione arteriosa, osservano gli autori. 

In ambulatorio, sono stati validati molti dispositivi oscillometrici che consentono una misurazione precisa della pressione arteriosa e riducono gli errori umani associati alle misurazioni con il metodo auscultatorio.

 L’uso di un dispositivo validato per la misurazione automatica della pressione arteriosa nello studio medico (AOBP) che può essere programmato per registrare e fare una media di almeno tre misurazioni “dovrebbe essere considerato l’approccio preferito per valutare la pressione nello studio del medico”, scrivono. Per far sì che il paziente e lo staff non parlino durante la misurazione, si potrebbero preferire i dispositivi non presidiati rispetto a quelli presidiati”, consigliano. 

 Al di fuori del contesto ambulatoriale, “un gran numero di dati” hanno mostrato il valore di misurare la pressione con il monitoraggio ambulatoriale della PA (ABPM) e con quello domestico (HBPM). “La PA misurata tramite queste tecniche è maggiormente correlata al rischio di malattia cardiovascolare rispetto a quella misurata in ambulatorio, con l’ABPM come metodo preferito per la valutazione della PA al di fuori dello studio medico”, dichiarano Muntner e colleghi. 

 Il documento aggiornato supporta le attuali linee guida dell’American College of Cardiology/AHA Guideline per la prevenzione, il rilevamento, la valutazione e la gestione dell’ipertensione. 

Fonte: Hypertension 2019
Ricerca Oculisti
torna su