Malattie degli Occhi Casi Clinici Reali : Stafiloma miopico al polo posteriore in monocolo (oltre 30 diottrie)

Stafiloma miopico al polo posteriore in monocolo (oltre 30 diottrie) La miopia elevata degenerativa è relativamente frequente nel panorama dell'oftalmologia clinica. Una miopia di oltre 30 diottrie in un paziente monocolo e glaucomatoso è più raro, non costituendo però alcuna particolarità clinica inconsueta. Il particolare dell'area maculare nella prima foto, evidenzia l'assenza della pigmentazione retinica con l'evidenza della vascolarizzazione coroideale e l'assenza dei riflessi maculari.
Stafiloma miopico al polo posteriore in monocolo (oltre 30 diottrie) Panoramica della retina del paziente con atrofia estesa dell'area peripapillare, che contribuisce alla difficoltà di seguire le variazioni del campo visivo e della papilla ottica per i danni dovuti al glaucoma, che il paziente presenta, per avere contemporaneamente anche il glaucoma, compensato dalla terapia praticata da tempo. Quanto sia più pericoloso avere un tono oculare elevato con miopia elevata è argomento molto discusso da tempo, fin da quando si pensava alla miopia elevata come una conseguenza del glaucoma, in soggetto predisposto all'assottigliamento della sclera. Certamente che i valori tonometrici dovranno essere particolarmente sorvegliati e vagliati nell'arco della giornata, per scongiurare picchi pressori misconosciuti, che possono danneggiare ancora di più il campo visivo di questi pazienti così sfortunati. Inutile dire che la pachimetria è essenziale misurarla come indice di validità dei valori che misuriamo, già falsati dal bulbo oculare ingrandito con una resistenza scelare scarsa.


word Fundus Camera non Midriatico Digitalizzato in dotazione allo studio.doc
torna su