Osservazioni e Riflessioni Cliniche - Quando operare di cataratta



Questa rubrica raccoglie osservazioni cliniche e di ricerca dell'autore del sito su problematiche oftalmologiche originali, spesso non trattate in letteratura, che assumono priorità e proprietà intellettuale alla data di pubblicazione sul sito stesso. Ogni diritto di originalità e priorità sui testi e sulle idee viene avocata dal titolare del sito, ed è tutelata ai sensi e per gli effetti della normativa nazionale ed internazionale in materia. La loro divulgazione ha come fine il rendere noto agli utenti del web ed ai colleghi oculisti le considerazioni alle quali l'autore è giunto per offrire un proprio ed originale contributo all'oftalmologia.

10/05/2012 - Quando operare di cataratta

Sempre è la risposta giusta, ma non bisogna sottovalutare il rischio chirurgico generico e la risposta funzionale post-operatoria.

La durezza della lente catarattosa incide sui tempi operatori e sulle fluidiche intracamerulari, con ripercussioni sull'endotelio corneale.
Le condizioni retiniche maculari e della periferia devono essere sempre considerate con attenzione, come la richiesta di una migliore visione da parte della paziente.
Se la macula è compromessa, spiegarlo bene prima con chiarezza, cosa che non deve far recedere dall'intervento, ma che è opportuno chiarire bene con l'operando e con i parenti. La cura pre operatoria è più importante spesso dello stesso intervento.
Anche le cataratte superbianche, milky white vengono affrontate con la faco dalla maggiorparte dei chirurghi, relegando a memoria chirurgica l'extracapsulare, anche perchè si è diventati molto abili con gli ultrasuoni, e la manualità per l'extracapsulare si sta perdendo. Comunque avere 7/10 e consigliare l'intervento è giustificato solo in casi selezionati, con richiesta specifica di migliore visione per attività lavorativa o per esigenze  particolari. 

firma
Ricerca Oculisti
torna su