Osservazioni e Riflessioni Cliniche - La Frontiera dei nuovi OCT



Questa rubrica raccoglie osservazioni cliniche e di ricerca dell'autore del sito su problematiche oftalmologiche originali, spesso non trattate in letteratura, che assumono priorità e proprietà intellettuale alla data di pubblicazione sul sito stesso. Ogni diritto di originalità e priorità sui testi e sulle idee viene avocata dal titolare del sito, ed è tutelata ai sensi e per gli effetti della normativa nazionale ed internazionale in materia. La loro divulgazione ha come fine il rendere noto agli utenti del web ed ai colleghi oculisti le considerazioni alle quali l'autore è giunto per offrire un proprio ed originale contributo all'oftalmologia.

31/12/2012 - La Frontiera dei nuovi OCT

L'uscita di nuovi modelli di OCT Spectral ha fatto notevolmante migliorare l'individuazione della struttura e dell'ultrastrattura retinica e delle fibre ottiche. L'integrazione nello stesso strumento di più indagini, fotografia, fluoroangiografia, indocianina, autofluorescenza, fornisce un collage d'imaging maggiormente complesso e dettagliato. L'aspettativa dell'ottica adattiva o adattativa però ancora non arriva negli strumenti distribuiti a noi oculisti utilizzatori. Ci sono problemi di costi innanzi tutto e di ripetibilità e affidabilità ancora non messi a punto per una grande distribuzione. Quando sarà a disposizione tale tecnologia, sarà possibile passare da una tomografia prevalentemente strutturale a una funzionale. Con l'individuazione delle singole cellule, infatti, si potrà avere a disposizione un'immagine indirettamente della funzione del singolo elemento, che con algoritmi e statistiche adeguate e convalidate, potrà portare a dati funzionali dalle imagini strutturali ricavate. Si potranno conteggiare per esempio le cellule dell'EPR, come facciamo per l'endotelio corneale, o misurare la densità organulare delle cellule di Muller, fondamentali per la conservazione dello spessore retinico, sapere la densità delle sinapsi e della densità dei singoli strati retinici, per determinarne la loro funzionalità. E' noto che la MLE, membrana limitante esterna, è fondamentale per stabilire l'evoluzione di una lesione maculare e la sopravvivenza dei coni e bastoncelli; così sarà statisticamente rilevabile, dall'imaging e dalla struttura cellulare visionata con l'ottica adattiva, la sopravvivenza di quella cellula e di quello strato funzionale, si potrà dare una valutazione dell'aggressività dei neovasi se presenti, dati non più solo strutturali della retina e delle fibre ottiche. Per ora accontentiamoci e attendiamo con fiducia gli sviluppi. firma

Ricerca Oculisti

Le Interviste per Oftalmologia domani

INTERVISTA CONGRESSO SOI 2016 - DOTT. AMEDEO LUCENTE

torna su