Osservazioni e Riflessioni Cliniche - Cheratocono: nuove indicazioni terapeutiche



Questa rubrica raccoglie osservazioni cliniche e di ricerca dell'autore del sito su problematiche oftalmologiche originali, spesso non trattate in letteratura, che assumono priorità e proprietà intellettuale alla data di pubblicazione sul sito stesso. Ogni diritto di originalità e priorità sui testi e sulle idee viene avocata dal titolare del sito, ed è tutelata ai sensi e per gli effetti della normativa nazionale ed internazionale in materia. La loro divulgazione ha come fine il rendere noto agli utenti del web ed ai colleghi oculisti le considerazioni alle quali l'autore è giunto per offrire un proprio ed originale contributo all'oftalmologia.

22/05/2017 - Cheratocono: nuove indicazioni terapeutiche

Presto e subito intervenire con il crosslinking: queste le linee guida emerse dalle nuove evidenze scientifiche sull'approccio terapeutico nei casi di prima diagnosi del cheratocono.
Seguire con topografie nel tempo i casi di nuova diagnosi può avere la conseguenza di trovare ectasie maggiori rispetto al primo controllo. 
Specie nei giovani dove i quadri sono spesso rapidamente evolutivi, intervenire prima con la terapia laser è ormai l'unica soluzione e una scelta obbligata.
La possibilità terapeutica con colliri a base di Vitamina del gruppo B già da me proposta nel 2013 resta tutta ancora da sperimentare e valutare. 
Come aggiunta a quanto già detto su questa stessa rubrica del Sito, sottolineo che se avessimo a disposizione tutte le Vitamine del Gruppo B, forse i risultati sarebbero più incoraggianti e lusinghieri.
Un'idea potrebbe essere quella di far indossare occhiali con filtri particolari selettivi dello spettro della luce ai pazienti che somministrano i colliri, nell'intento di migliorare l'efficacia della terapia proposta, sia in cornee naive che dopo il trattamento laser, che come è noto non preserva in modo assoluto da ulteriori evoluzioni.
Questa possibilità terapeutica potrà essere trasformata in protocollo naturalmente dopo studi su grandi numeri e in doppio cieco.
La valutazione dell'efficacia sarà possibile se questo mio invito verrà accolto da centri di studio accreditati e dopo i passaggi necessari alla sperimentazione prima di essere approvata.
La disponibilità sul mercato farmaceutico di due colliri a base di Vitamina del Gruppo B   (Riboflavina B6 e Cianocobalamina B12) rende però relativamente più semplice questa possibile sperimentazione, più difficoltosa invece in caso i farmaci da utilizzare siano nuovi e non noti.

Ricerca Oculisti

Le Interviste per Oftalmologia domani

INTERVISTA CONGRESSO SOI 2016 - DOTT. AMEDEO LUCENTE