Osservazioni e Riflessioni Cliniche - Parliamone ancora: Imaging Wide Field e Ultra Wide Field

29/10/2018 - Parliamone ancora: Imaging Wide Field e Ultra Wide Field

I nuovi device ultra-widefield che permettono di fotografare oltre l'equatore sono ormai disponibili da qualche tempo. L'imaging widefield ha contagiato anche l'imaging angio-OCT, con la possibilità di assemblare più immagini in un quadro complessivo ad ampio campo. Queste possibilità aumentano la capacità di diagnosi e di osservare aree retiniche prima visibili solo con l'oftalmoscopia. L'osservazione della periferia retinica resta comunque essenziale ed indifferibile, poiché questi device non arrivano a fotografare oltre le vorticose. Acquistare perciò questi device con l'intento di velocizzare le visite è pensiero nefasto e da aborrire. Infatti, si può fotografare anche in estrema periferia facendo forzare lo sguardo al paziente, e stampare le rotture retiniche, ma prima bisogna trovarle con un'attenta osservazione della periferia retinica che resta perciò indifferibile.  firma
Ricerca Oculisti
torna su