Allarmina, la proteina-segnale delle infiammazione

Allarmina, la proteina-segnale delle infiammazione

il lontano 2002, quando, per la prima volta, dal laboratorio di Ricerca di Base della Divisione di Dinamica della Cromatica, emerge unimportantprofessor Marco Bianchi, ha individuato che le cellule, quando muoiono o sono stressate (per patologie o in seguito a traumi), rilasciano una particolare proteina - Hmgb1 o Allarmina - in grado di segnalare al Sistema Immunitario che una parte del nostro corpo ha un problema e che, quindi, necessario un piano dazione.

Ed proprio dal prof. Bianchi, responsabile dellUnit di Ricerca di Base - Dinamica della Cromatina allIRCCS Ospedale San Raffaele, che comprendiamo limportanza di questa proteina, utile sia come campanello dallarme per lorganismo sia come elemento essenziale nella ricostruzione del tessuto danneggiato.

Il nostro Sistema Immunitario risponde, principalmente, a due stimoli: alle infezioni batteriche, ai virus, ai funghi patogeni, ma anche ai danni causati, per esempio, da traumi. Il risultato il medesimo poich, nel caso di infezioni, alcune cellule sono uccise o stressate dai patogeni, mentre se accade evento traumatico (es. una martellata su un dito, una caduta), alcune cellule muoiono o vanno in stress e devono necessariamente essere sostituite. La stessa cosa succede anche in caso di malattia. Per coordinare la risposta dellorganismo, sono necessari dei segnali che derivano dalle cellule morte e dei recettori (cio molecole che riconoscono il segnale) nelle altre cellule del sistema immunitario, per dare a questultimo il segnale di agire.

Il segnale delle cellule morte - continua - stressate o che devono essere sostituite o sostenute, viene dato da una particolare proteina che prende il nome di Hmgb1 e per la quale - qualche tempo fa - abbiamo lanciato il nome di Allarmina. Questo appellativo dovuto al fatto che la proteina presente normalmente nel nucleo della cellula dove svolge il compito di organizzare il DNA e le proteine nel nucleo ma, una volta che esce da questultimo, fa da segnale e da avvertimento. Le funzioni di questa proteina sono, quindi, sono due: una normale (organizzazione del DNA e delle proteine del nucleo) e una straordinaria (segnale di allarme nel momento in cui le proteine fuoriescono dal nucleo). Questa prima fase di uscita della proteina dal nucleo costituisce il Livello 1: lAllarmina un segnale che indica che alcune cellule sono andate incontro a morte o a stress. Il Livello 2 indica quanto, da un certo punto di vista, sia molto vantaggioso sapere che una cellula in grave difficolt prima che essa muoia definitivamente. Quindi, molte di esse, se non tutte, hanno sviluppato un sistema evoluto per espellere la proteina prima di morire. Il risultato esattamente lo stesso: prima si verifica linfiammazione con conseguente risposta del Sistema Immunitario e, infine, c la ricostruzione del tessuto. Questo sistema, per cui la proteina viene mandata fuori, non ha nulla a che fare con i sistemi normali di secrezione della cellula ed esclusivo per lAllarmina.

Questultima conclude il prof. Bianchi - importante perch d il segnale di quando la cellula in stress o vicina alla morte. Questo avviene in situazione patologiche completamente diverse. Per esempio, abbiamo dimostrato che lAllarmina rilasciata dai neuroni iperattivati scatena gli attacchi di epilessia. Invece, quando cellule di melanoma sono eccessivamente esposte al sole, lHmbg1 causa la loro dispersione e quindi metastasi in altri organi. Perci, siamo sia alla ricerca di inibitori dellAllarmina che la possano bloccare sia particolarmente interessati alla ricostruzione di tessuti danneggiati. LHmbg1, dopo aver suonato lallarme, istruisce il Sistema Immunitario a supportare la riparazione dei tessuti danneggiati. Il nostro obiettivo quello di creare allarmine migliorate che permettano di facilitare e di accelerare la fase di ricostruzione del tessuto, senza provocare infiammazione.

torna su